Benvenuti nella Parrocchia di San Zenone degli Ezzelini

TESTIMONIANZE DEI VEGGENTI DI MEDJUGORJE SUL PURGATORIO

In Purgatorio ci sono tante anime e tra queste anche persone consacrate a Dio. Pregate per loro almeno sette Pater Ave Gloria e il Credo. Ve lo raccomando! Molte anime sono in Purgatorio da molto tempo perche’ nessuno prega per loro. Nel Purgatorio ci sono diversi livelli: i più bassi sono vicini all’Inferno mentre quelli elevati si avvicinano gradualmente al Paradiso. (Messaggio del 20 luglio 1982 ). Le anime del Purgatorio aspettano le vostre preghiere e i vostri sacrifici. (Messaggio del 2 novembre 1982). La maggior parte degli uomini, quando muore, va in Purgatorio. Un numero pure molto grande va all’Inferno. Soltanto un piccolo numero di anime va direttamente in Paradiso. Vi conviene rinunciare a tutto pur di essere portati direttamente in Paradiso al momento della vostra morte. (Messaggio del 2 novembre 1983). Cari figli, oggi desidero invitarvi a pregare ogni giorno per le anime del Purgatorio. Ad ogni anima è necessaria la preghiera e la grazia per giungere a Dio e all’amore di Dio. Con questo anche voi, cari figli, ricevete nuovi intercessori, che vi aiuteranno nella vita a capire che le cose della terra non sono importanti per voi; che solo il cielo è la meta a cui dovete tendere. Perciò, cari figli, pregate senza sosta affinché possiate aiutare voi stessi e anche gli altri, ai quali le preghiere porteranno la gioia. Grazie per aver risposto alla mia chiamata! (Messaggio del 6 novembre 1986). E il 28 gennaio del 1987, la veggente Mirjana Dragicevic ricevette un lungo messaggio straordinario in cui, tra l’altro, la Regina della Pace diceva: Trovate il tempo per accostarvi a Dio in chiesa. Venite nella casa del Padre vostro. Trovate il tempo per riunirvi in famiglia e supplicare grazia da Dio. Ricordatevi dei vostri morti, date loro gioia con la celebrazione della Messa.

NON ANDRO’ IN PURGATORIO

… Vicka (una delle veggenti) racconta: – Dopo il paradiso la Gospa (Madonna in croato) ci ha portati a vedere il purgatorio. E’ un luogo molto scuro e noi non potevamo vedere quasi niente perché c’era come un fumo grigio, molto spesso del colore della cenere. Sentivamo che c’era una quantità di gente ma non potevamo vedere i volti per via di questo fumo. Potevamo però sentire i gemiti e le grida. Sono molto numerosi e soffrono molto. Sentivamo anche delle specie di urti, come se le persone si scontrassero. La Gospa ci diceva: “Vedete come queste persone soffrono! Aspettano le vostre preghiere per poter andare in cielo.” In seguito ci ha parlato ancora del purgatorio. Quello che mi ha stupito è stato di scoprire che là c’erano persone consacrate a Dio, suore e preti. Ho chiesto alla Gospa come fosse possibile che persone consacrate si ritrovassero in purgatorio; mi ha risposto: “Queste persone si erano consacrate a Dio, ma nella loro vita non c’era amore. Ecco perché ora sono in purgatorio.” Prima di lasciare il purgatorio la Gospa ci ha molto raccomandato di “pregare ogni giorno per queste anime.”- Chiedo – Vicka hai provato anche tu le sofferenze di quelle persone come avevi provato la felicità dei beati in cielo? – Al momento la Gospa ci ha dato una forza speciale, una grazia per sopportare di essere laggiù. Senza questa forza non l’avremmo potuto sopportare perché una cosa è pensare al purgatorio e un’altra cosa è vederlo! Oggi provo una grande tristezza quando penso a quelle anime che soffrono e prego per loro, perché certamente vorremmo che andassero tutte in cielo.
Ma al momento abbiamo sentito questa forza che non è della terra. Era una cosa speciale per la circostanza. Così la visita al purgatorio si può riassumere in poche parole, ma c’è l’essenziale. In seguito la Madonna ha ricordato questa realtà in quattro messaggi (sopra riportati) che non soltanto confermano l’insegnamento della Chiesa ma anche le testimonianze di alcuni mistici canonizzati, che hanno fatto un’esperienza simile a quella di Vicka e Jakov. Tra il 1981 e il 1984 alle richieste dei veggenti sulla sorte di questo o quel defunto, la Gospa rispondeva a volte: “E’ con me.” oppure. “Bisogna pregare per lui.” In questo modo Jakov ebbe la gioia di sapere il 5 Settembre 1983 che la sua mamma era già in cielo, ed era morta quel giorno. – Vicka, secondo te, cosa c’era di così buono nella vita di Jaka perché sia andata così in fretta in cielo? – Ho chiesto. – E’ molto semplice! Faceva tutte le piccole cose della giornata con amore, con tutto il cuore! Dio ha affidato ad ognuno un compito. Tu scrivi dei libri e io parlo ai pellegrini… Bisogna fare tutto con il cuore, è molto importante! Dio non chiede che si prenda una montagna e la si sposti altrove. Le piccole cose di ogni giorno, sono grandi per Lui. Molte persone complicano le cose… no Jaka non ha fatto niente di straordinario e Dio ha visto il suo gran cuore! – Su esplicita richiesta della Madonna, nel 1984, il “tempo delle domande private” è terminato. Tuttavia, durante la guerra recente, ho potuto capire in qualche modo, da certe conversazioni con Vicka che la Gospa le dava delle indicazioni su questo o quel soldato croato della regione, morto al fronte o considerato disperso. A quell’epoca i pellegrini erano poco numerosi e Vicka passava molto tempo a consolare le famiglie colpite dalla guerra. Una sera mi disse: “Molti dei nostri uomini sono scomparsi. Durante l’apparizione “se ne è parlato molto” e ora devo andare subito a visitare le loro famiglie… Capisci, aspettano in grande angoscia” Non ho voluto chiedere di più a Vicka ma queste semplici parole la dicevano lunga. Per noi che siamo sulla terra, sapere se questo o quello dei nostri parenti è ancora al purgatorio o già in cielo non è la cosa più importante. La cosa più importante è di renderci conto di quale tesoro ci offra la Gospa su un piatto d’argento, con la sua scuola d’amore a Medjugorje. Colui che entra alla Sua scuola non farà purgatorio! Non se ne parla nemmeno! La nostra decisione di diventare santi corrisponde in pieno ai disegni di Dio sulla nostra vita, non è orgoglio come ho spesso sentito dire. (Allora la piccola Teresa di Lisieux, la beata Faustina e il santo Curato d’Ars sarebbero stati degli orgogliosi!) La Gospa ha riempito i suoi messaggi di mezzi sicuri per andare diritto in cielo e colui che li vive sente già in sè la gioia del cielo, non la gioia che proviene dalla soddisfazione umana quando tutto va bene, ma la gioia tutta divina che rimane anche nelle prove. Mi piace citare queste parole di Maria a Jelena Vasilj nel 1986: “Se vi abbandonate a me, non vi accorgerete del passaggio da questa all’altra vita. Incomincerete a vivere la vita del cielo sulla terra.” Emanuela  

Pubblicato il 2 novembre 2009 sul sito Internet: diglilaverità

 

Permalink link a questo articolo: http://www.parrocchiasanzenone.it/wordpress/2020/01/testimonianze-dei-veggenti-di-medjugorje-sul-purgatorio/